Archivio eventiComunicatiPEC - PECC documenti e riferimenti

“Premi Capo Circeo” che ci hanno lasciato

28 Gennaio 2017

 

 

In memoria di Gerardo Marotta

e degli altri “Premio Capo Circeo”

di recente scomparsi

 

<> 
<>

Il giorno 25 gennaio 2017 è spirato a Napoli, alla soglia dei 90 anni, l’avvocato Gerardo Marotta, Premio Capo Circeo 1997. Le esequie hanno avuto luogo in forma laica a Palazzo Serra di Cassano.

Alla famiglia e all’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici in Napoli (fondato nel 1975), da lui creato e presieduto, il “Capo Circeo” esprime le più vive condoglianze.

Gerardo Marotta, illustre avvocato napoletano mosso da elevatissimo amore per la cultura e in particolare per il pensiero filosofico, è di esempio emerito a tutti gli italiani grazie alla realizzazione delle sue encomiabili opere.

All’inizio di questa grande avventura e per molti anni, Marotta mise a disposizione l’appartamento della sua abitazione per  fare avviare con sicura continuità le prime annualità dell’attività dell’Istituto fino a quando  ebbe assegnata come sede la seicentesca Biblioteca dei Girolamini, Palazzo Serra di Cassano. Le più recenti vicende sulla crisi finanziaria dell’Istituto dovute all’enorme crescita delle sue attività e alla cronica inadeguatezza delle risorse e degli aiuti non possono certamente gettare alcun velo sulla prestigiosa attività di promozione della filosofia e della cultura in generale dell’Istituto.

L’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici ha rilanciato nel corso di molti decenni gli studi filosofici italiani e ha creato profondi, ricchissimi, duraturi e robusti rapporti con le maggiori istituzioni culturali europee, in particolare inglesi e francesi e soprattutto germaniche, oltre che americane. Ha intrecciato rapporti pure con centri europei di prestigiosa attività di studio in altre discipline, come quelle giuridiche e economiche, come la London School of Economics. Ricordiamo che in sinergia con l’ Istituto Lombardo per gli Studi Filosofici e Giuridici, guidato dal prof. Giorgio Galli, a cui fu successivamente attribuito  PCC, fu edita una ricca e  pregevolissima rivista filosofica.

gerardo marotta bn

Le maggiori personalità della cultura mondiale si sono recate  per tenere cicli di lezione e seminari presso l’Istituto di Studi Filosofici in Napoli. Desideriamo qui ricordare un nome per tutti: l’insigne filosofo Hans Georg Gadamer, il quale tenne i suoi seminari sin sulla soglia dei cento anni e spirò quasi coetaneo di Ernst Jünger, nome quest’ultimo di assoluto rilievo nella storia del ‘900 europeo e nell’Albo del “Capo Circeo”.  Al maggiore filosofo europeo del secondo novecento, Gadamer,  fu attribuito il “Capo Circeo”assieme a Gerardo Marotta, nell’edizione del 1997.

Gerardo Marotta, grade cultore della filosofia idealistica, promosse la pubblicazione di opere introvabili e inedite di Hegel, realizzate con la massima cura filologica e con lanci editoriali di altissimo e sbalorditivo livello europeo e mondiale. Promosse pure il recupero della cultura italiana meridionale e offrì borse di studio a giovani di famiglie disagiate.

La ricaduta sulle attività culturali, turistiche, commerciali, imprenditoriali per la città di Napoli fu notevole, non ultima quella in campo tipografico, come la nascita di diverse case editrici dedicate alla pubblicazione di opere filosofiche,  di colloqui seminari e lezioni tenute nell’Istituto; pubblicazione qualitativamente e quantitativamente cospicue.

Napoli rimase per più di due decenni indiscussa capitale europea della filosofia e dell’alta cultura. Altre capitali culturali  europee come Berlino, Londra, Parigi, Roma erano i diretti crocevia di questo flusso ininterrotto.

Chi scrive questo breve ricordo è stato fruitore e frequentatore, giovane laureato in filosofia, di diversi seminari sulla cultura europea e pure sul pensiero ebraico nella cultura inglese; e di uno, in particolare per l’approccio offerto sulla filosofia indiana, in cui ebbe a conoscere brillanti personalità italiane, francesi e americane. Incancellabile è la memoria della dolcezza e della finezza spirituale di una grande studiosa del pensiero buddhista, Amalia Pezzali, professoressa presso le Università di Venezia e di Bologna, che partecipò non come relatrice ma come frequentatrice, assieme ad altri accademici impegnati nella ricerca senza riserve e senza preclusioni. Tutto questo e tantissimo altro fu realizzato da Gerardo Marotta e dai suoi sodali che con spirito di sincera dedizione profusero, spesso con rinunce e sacrifici, il loro contributo. Si ricordano qui  l’allora giovane prof. Antonio Gargano e il prof. Mario Agrimi.

La cultura europea perde un originale e impareggiabile promotore e organizzatore. Quella italiana molto di più, grazie alla ramificazione e all’ampia ricaduta delle attività dell’Istituto nel tessuto culturale e universitario nazionale, oltre che in quello sociale.

<> 
<>

***

Documentazione stampa relativa all’attribuzione del Premio capo Circeo:

Archivio . AdnAgenzia . 1997 . 12 . 09

PREMIO CAPO CIRCEO: SABATO CERIMONIA CONSEGNA A VINCITORI

Roma, 9 dic. (Adnkronos) – La scrittrice Susanna Tamaro, il ministro delle Telecomunicazioni Antonio Maccanico, il direttore dell’Adnkronos Giuseppe Marra, l’assessore capitolino alla Cultura Gianni Borgna … lo scrittore e saggista Gennaro Malgieri, il presidente dell’Istituto filosofico di Napoli Gerardo Marotta: sono alcuni dei vincitori della 21esima edizione del ”Premio Capo Circeo”, assegnato dall’Associazione per l’amicizia italo-germanica a personalita’ impegnate nella promozione culturale, sociale, scientifica fra i due Paesi. La cerimonia di consegna dei premi avverra’ sabato 13 dicembre alle ore 17 in Campidoglio, nella Sala della Protomoteca.

A presiedere la cerimonia sara’ il senatore Giulio Orlando. E’ previsto l’intervento … Rocco Buttiglione e di altre personalita’ del mondo politico e culturale italo-tedesco.

Il ”Premio Capo Circeo” e’ stato assegnato anche al filosofo tedesco Hans Georg Gadamer, al germanista Franco Volpi, al sottosegretario all’Economia del governo bavarese Hans Spitzner, al ministro di Stato agli Affari Esteri Werner Hoyer, al vicepresidente della VolksWagen Robert Buchelhofer, al Borgomastro di Norimberga Ludwig Scholz, al professor Wolfram Thomas dell’Universita’ di Hamburg, allo studioso di scienza filosofica Niko Cambareri, al direttore del BerlinerStaatsOper Daniel Barenboim, a Gabriella Carlucci e Adriano Aragozzini.

(Sin/Pe/Adnkronos)
 
***
 

  Corriere della Sera

  • ·         Archivio >
  • ·         Oggi in Campidoglio i premi Capo Circeo
  • ·         Archivio storico

 

Oggi in Campidoglio i premi Capo Circeo

—————————————————————– Oggi in Campidoglio i premi Capo Circeo Susanna Tamaro per il romanzo Anima mundi, il germanista Franco Volpi, il ministro Antonio Maccanico, il giornalista Giuseppe Marra, direttore dell’Adnkronos, e l’avvocato Gerardo Marotta, fondatore e presidente dell’Istituto italiano di studi filosofici di Napoli, sono alcuni dei vincitori del premio “Capo Circeo”, promosso dall’Associazione per l’amicizia italo – germanica. I riconoscimenti, che vengono consegnati oggi in Campidoglio, a Roma, sono stati conferiti, tra gli italiani, anche a Gennaro Malgieri, direttore del Secolo d’Italia, e all’assessore alla Cultura del Comune di Roma, Gianni Borgna.

Pagina 33
(13 dicembre 1997) – Corriere della Sera

1997 12 13 PCC D. Cambareri con il Presidente IISF in Napoli G

Il Premio Capo Circeo Gerardo Marotta
con Domenico Cambareri

L’addio a Gerardo Marotta: oggi la camera ardente, sabato i funerali … napoli.repubblica.it/cronaca/2017/…/e_morto_l_avvocato_gerardo_marotta-156889421/ 25 gen 2017 – Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha espresso in una … Morte di Gerardo Marotta, il lutto di amici e parenti … costituisce il nucleo fondamentale dell’Istituto fondato nel 1975 a … L’Istituto italiano per gli studi filosofici, da lui fonfato nel 1975, si preparava quindi a festeggiare i suoi novant’anni.

<> 
<>
*****
***
*****
<> 
<>

Questi ultimi anni sono stati un periodo in cui altri “Capo Circeo” di  massimo prestigio hanno posto termine al loro transito terrestre.

E’ doveroso ricordare, fra gli italiani PCC scomparsi negli ultimi tre anni, almeno due di essi, due artisti del tutto diversi fra loro quanto da Gerardo Marotta:  

Virna Lisi (14 dicembre 2014), attrice dall’insuperabile bravura e dall’impareggiabile bellezza, che della semplicità fece sempre la più affabile e calda espressione della sua eccezionale carriera artistica e del suo animo olimpico;

virnalisi949

Giorgio Albertazzi (28 maggio 2016), carattere fremente, intelletto sottile e pungente, dall’intensa e incontenibile vitalità artistica, spiritaccio brillante del teatro italiano.

giorgio albertazzi

<> 
<>

*****

***

*****

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.