Lista dei Premiati, Edizione XXXIII, 2013. Terzo comunicato

Posted on Posted in Annualità del PECC, Archivio eventi, Comunicati, PEC - PECC documenti e riferimenti

29 Ottobre 2013

 

 

cropped-capo.jpg

PREMIO EUROPEO CAPO CIRCEO
XXXIII EDIZIONE

Roma

                  

Comunicato  n.3.   

                                                                      

 

“I maggiori europei”

“PREMIO ALLA MEMORIA” AL NOBEL KONRAD LORENZ

Lo zoologo Konrad Lorenz è stato tra le menti eminenti di tutto il lungo, ininterrotto sviluppo delle ricerche del ‘900. Ha promosso radicali cambiamenti della prevalente foma mentis  degli uomini, che si sono positivamente estesi al di fuori del mondo della scienza. Fondatore dell’Etologia, ha avvicinato come non mai gli uomini alla comprensione della vita degli animali ed ha positivamente influito nella formazione culturale di milioni di lettori di tutte le età, di tutti i popoli e di tutte le estrazioni sociali, grazie alla sua splendida attitudine narrativa.

Alla cerimonia nei Musei Capitolini parteciperanno la figlia di Konrad Lorenz, Dagmar, con il marito e il figlio.

Un vivissimo ringraziamento va al Konrad Lorenz Institut, in Austria, e in particolare, al suo presidente,  Prof. Gerard Mueller, che hanno reso possibile stabilire il contatto con la famiglia Draghi – Lorenz.

Con il riconoscimento attribuito anche al biologo e regista cinematrografico Luc Jacquet, il Premio Capo Circeo ha voluto tributare un doveroso e particolare onore a quanti vogliono avvicinarci sempre più agli altri esseri viventi che con noi condividono le sorti su questo pianeta e alla comprensione di… qualche mistero della vita.

 

 

 

In riferimento all’attibuzione del Premio, a sua insaputa, all’eremita Dom Uvo Van Doorne, desideriamo informare che è un monaco benedettino belga della componente fiamminga. Lasciò il monastero in Belgio prestissimo e, ancora giovane, visse alcuni anni di eremitaggio in Martinica. Si recò quindi a vivere nel Sinai, sempre nella dimensione eremitica e, dopo la guerra arabo-israeliana del 1967, approdò in Sicilia, dove è rimasto sino ad oggi, in eremitaggio sui Monti Iblei, in Val di Noto. Dell’attribuzione del Premio, diamo comunicazione all’Abate Primate della Confederazione benedettina delle Congregazioni benedettine in Roma.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *