Tra Edimburgo e Londra nessuna frattura definitiva. Questa la posizione di J. K. Rowling

Pubblicato il Pubblicato in Editoriali e articoli, PEC - PECC documenti e riferimenti

15 Giugno 2014

 

 

 

 

 

J. K. Rowling, la Scozia e il Regno Unito

 

 

 

 

 

 

 
Il sito del Premio Europeo Capo Circeo e l’Associazione per il Premio non prendono parte alle controversie politiche interne agli Stati membri dell’UE.
 
Si ritiene però utile indicare la decisione di J.K. Rowling, PECC 2013, in merito al referendum per l’indipendenza della Scozia. Ossia la sua esplicita contrarietà, e rifletterci brevemente su.
 
E’ un fatto storico non contestato da alcuno che la Scozia abbia subito per lunghissimo tempo le iniquità della corona inglese. E’ anche vero che la Scozia goda da decenni sempre più larghe forme di autonomia amministrativa, scolastica, finanziaria, e che la corona inglese abbia cercato di adeguare al meglio la sua azione a questa realtà storica. A nulla pare che si sia frapposto il governo inglese, in merito al referendum.
 
E’ a questo punto lecito domandarsi che senso abbia procedere alla proclamazione di una completa sovranità della Scozia per i susseguenti duplicativi risvolti in tema di politica estera e di difesa ( e non solo). L’identità scozzese, all’interno del Regno Unito, sembra confermata da tanti scozzesi che non spaccano un capello in quattro solo per una questione che pare diventata di puntiglio e non di principio. Forse, su questi, il mitico 007 al servizio di Sua Maestà britannica, sir Sean Connery, fervente nazionalista scozzese, la pensa in maniera diversa. Insomma, il “caso Scozia” è oggi davvero paragonabile al “caso Ulster?”
 
Una simile frattura determinerebbe un ciclo virtuoso o meno della macchina burocratica del nuovo Stato, con un accrescimento di spese rispetto all’attuale standard di costi e di efficienza? Sarebbe davvero solo in funzione dell’appagamento degli storici ideali di sovranità del popolo scozzese tutto ciò e non per appagare sogni di sciovinismo eccessivamente repressi?
 
Sarebbe un andare per il verso opposto rispetto a quanto è augurabile e atteso a pro degli ideali e dei principi di allargamento della sovranità europea, e quindi di un reale e concreto avvicinamento dei popoli europei, specie in un momento in cui gli euroscettici, anche nel Regno Unito, sono stanchi di mordere il freno?

 

 

 

 

 

 

 

JK Rowling contro Scozia indipendente – Mondo – ANSA.it
www.ansa.itMondo Copia cache Un nome eccellente e una donazione consistente per dire ‘no‘ … di un milione di sterline a favore della campagna ‘Better Together’, contraria … Il referendum sull’indipendenza della Scozia si terrà il prossimo 18 settembre.
 
Scozia indipendente, da J.K.Rowling 1 milione di sterline al
 www.corriere.it/…/scozia-indipendente-jkrowling-1-milione-sterline-fron
Copia cache Il referendum sul distacco da Londra è fissato per il… … La campagna «Better together» per il «no» al referendum sull’indipendenza della …
 
referendum – Adnkronos
 
 
www.adnkronos.com/Search/Link/keyword/referendum
 
 
 
 
 
 
 
 
 
GB: referendum Scozia, JK Rowling dona 1 mln di sterline al fronte del ‘no‘. La campagna ‘Better together’ per il “noal referendum sull’indipendenza della Scozia ha
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *